Se metti l'iPhone in tasca rischi un'ustione

È successo a un ragazzo francese che ha deciso di citare in giudizio la Apple per i danni subiti. Sulla coscia gli è rimasta una cicatrice pari a quelle causate dal ferro da stiro.

ThinkstockPhotos-475188178Un iPhone. Un’ustione di secondo grado. Una cicatrice di sei centimetri quadrati pari a quelle lasciate da un ferro da stiro. È questo il succo della denuncia di un ventenne originario di Nancy, in Francia, che ha descritto in questo modo le conseguenze di un incidente verificatosi il primo agosto 2014.

APPLE CITATA IN GIUDIZIO
Il quotidiano francese Est Républicain ha raccontato che il giovane aveva l’iPhone nella tasca dei pantaloni, quando si è accorto che stava accadendo qualcosa di strano. «Ero a casa di alcuni amici, quando ho sentito improvvisamente la coscia andarmi a fuoco senza capire il perché, ha spiegato il ragazzo. «Ho messo la mano in tasca per estrarre il telefono, ma era incandescente e ho immediatamente ritratto la mano». Lo smartphone non rispondeva più ai comandi e presentava evidenti segni di surriscaldamento. «L’ho preso e poggiato in un contenitore per lasciarlo raffreddare perché avevo timore che esplodesse», ha aggiunto il ventenne. Dopo che la temperatura del telefono è tornata normale, ha notato che gli era rimasto un segno rosso sulla coscia. «Ho deciso di consultare un medico e solo dopo svariate settimane ho potuto scongiurare il rischio di contrarre infezioni».  L’iPhone al momento dell’incidente era coperto dalla garanzia, quindi il giovane si è rivolto direttamente all’Apple per chiedere conto dei danni. La multinazionale però ha risposto dicendo che «non sussistono ragioni per invocare la responsabilità dell’azienda produttrice». Il ragazzo ha allora deciso di citare in giudizio il colosso fondato da Steve Jobs.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 22-10-2015 06:52 PM


Lascia un Commento

*