Quando il professore è intersessuale

A Cervignano del Friuli gli studenti del liceo Einstein hanno un nuovo supplente di matematica e fisica. Ma ad alcuni genitori il docente non va bene. Il motivo? È ermafrodita.

1401518682-romeoCon un abito femminile, la borsetta, il rossetto rosso e gli orecchini. Così si è presentato il primo giorno di supplenza al liceo Einstein di Cervignano del Friuli Michele Romeo, professore di matematica e fisica, originario di Taranto, ma residente a Trieste ormai da cinque anni. Con una laurea in Fisica Teorica e un dottorato in Nanotecnologie, ha tutti i requisiti per insegnare, ma il fatto di essere intersessuale non pare andare bene ai genitori dei suoi studenti.

UN PROFESSORE CHE NON SI NASCONDE
Michele Romeo, appena entrato in classe,  ha spiegato ai suoi nuovi alunni di essere ermafrodita e di non sentirsi rappresentato da nessuna delle due categorie della sessualità, il maschio e la femmina. Il professore ha scelto già da tempo di non nascondere la propria identità, anche perché non è alla sua prima esperienza nel campo dell’insegnamento. Nel 2014 ha già svolto una supplenza al liceo Oberdan di Trieste. In quel caso come in questo Michele Romeo ha chiarito ai suoi studenti la sua natura intersessuale, ovvero di persona con entrambe le caratteristiche anatomo-fisiologiche sia maschili che femminili. «Non voglio fare interventi chirurgici perché non sono donna ma non sono nemmeno uomo, sono una persona che sta a metà e che ha trovato una buona collocazione del sé. L’unico ostacolo è il pregiudizio, dettato dalla carenza di cultura», ha detto ai suoi liceali.

BUONA ACCOGLIENZA DA PARTE DEGLI STUDENTI
Secondo il professore i ragazzi lo hanno accolto bene e hanno mostrato curiosità e interesse nel capire la sua realtà intersessuale. «A meno che non siano stati bravi a mascherare le loro emozioni», ha precisato Michele Romeo. «Certo, si sono mostrati molto attenti e questo è indice di curiosità. Solo perché una persona indossa un certo vestito non è detto che dentro ci stia comoda. Io mi sento donna dal punto di vista emotivo e affettivo», ha chiarito. I genitori di alcuni studenti hanno già annunciato di voler trasferire il proprio figlio se il professore continuerà a insegnare, ma il preside Aldo Duri si è schierato dalla parte di Michele, dichiarando di non voler intervenire nei confronti di un docente preparato e competente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , Data: 19-10-2015 03:38 PM


2 risposte a “Quando il professore è intersessuale”

  1. Marisa Di Bartolo scrive:

    in effetti la barba potrebbe farsela un po’ meglio. Per il resto, se è competente nelle sue materie, faccia un po’ cosa vuole.

  2. Giampaolo scrive:

    Se si comporta bene, non vedo perché deve essere discriminato/a. E quando uno ostenta la diversità che non è sopportabile. Io ho avuto studenti che hanno cambiato sesso ed erano in attesa del cambio del nome. Certo i tipo alla Guadagno non aiutano…..

Lascia un Commento

*