Il pranzo di nozze è solidale

Una ragazza americana è stata lasciata all'altare. Così sua madre ha deciso di aprire le porte del ricevimento ai senzatetto.

2D8AAE0500000578-3278214-The_would_be_bride_s_family_decided_to_invite_Sacramento_s_homel-a-16_1445198049978«La felicità è autentica solo se condivisa»: era questa l’illuminazione a cui era giunto Christopher McCandless, reso celebre dal film Into The Wild. Ed è un po’ quello che deve aver pensato una quasi-suocera americana che, ritrovatasi con una figlia lasciata praticamente davanti all’altare, ha deciso di trasformare un momento triste e doloroso in un’occasione di solidarietà. Kari Duane, infatti, non ha annullato il ricevimento, ma ha aperto le porte del Citizen Hotel a 90 senzatetto che hanno brindato alla mancata sposa.

2D89A3A200000578-3278214-image-m-38_1445190597043UNA BENEDIZIONE DAL CIELO
Il menu a quattro stelle, originariamente riservato ai 120 invitati, prevedeva salmone, gnocchi, bistecche e antipasti. Piatti che i senzatetto non sono di certo soliti permettersi. Una delle donne che hanno potuto apprezzare questo atto di generosità, l’ha definito come un vero e proprio dono dal cielo, mentre Kari Duane, intervistata, si è detta felice di essere stata in grado di trasformare un momento di dolore in un momento di gioia. Il cibo, così, non è andato sprecato, ma è stato anzi ancora più apprezzato. Nemmeno i soldi spesi per il viaggio di nozze in Belize andranno in fumo: mamma e figlia partiranno insieme, per lenire la grande delusione amorosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*