«Amavo il prete, ma lui mi ha tradita»

Lei cinquantenne e divorziata, lui uomo di Chiesa. Prima sboccia l'amore, ma poi lui comincia a frequentare altre donne. E lei si vendica confessando tutto alla diocesi.

ThinkstockPhotos-465216341Lui è un prete della diocesi di San Marino e Montefeltro in là con l’età, lei è una parrocchiana cinquantenne e divorziata. Sono bastati un colloquio in un momento difficile e poche mail per dar vita a una relazione infuocata tenuta segreta per quattro anni. Fino a quando lui, eccedendo in amore, non ha cominciato a frequentare altre donne. E, a quel punto, la signora, cieca di rabbia e gelosia, si è vendicata mettendo in piazza la relazione proibita.

L’IDILLIO INFRANTO
La storia è stata raccontata da il Giorno. Dopo le prime schermaglie amorose nei ristoranti della zona e le prime tenerezze, la relazione era sbocciata e si era protratta, idilliaca, per circa un paio d’anni. A quel punto, però, le cose erano cambiate. Tra screzi, litigi e rappacificazioni, i due avevano cominciato a lanciarsi reciproche accuse. Lei rimproverava lui di averla costretta a rinunciare a truccarsi. Lui rispondeva definendola come l’emissaria di Satana. Poi, la donna aveva cominciato ad avere i primi sospetti: possibile che nel cuore del parroco abitasse anche un’altra donna? I dubbi, col tempo, sono diventati certezza. E, a quel punto, la donna ha deciso di confessare tutto, sia ai media, che alla diocesi.

PESANTI CONSEGUENZE
Una storia ben distante dal lieto fine. La donna è entrata in terapia, perché devastata psicologicamente dalla relazione, e la salute del parroco (non più giovanissimo, ricordiamolo) si è aggravata. Inoltre, la diocesi l’ha costretto a dimettersi dall’incarico. Per la Chiesa, dopo il caso del monsignor Charamsa, un’altra storia che vede un religioso trasgredire la regola del celibato. Una trasgressione che, forse, è più frequente di quanto non si sia disposti ad ammettere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , , , , Data: 16-10-2015 12:11 PM


Lascia un Commento

*