«Voi qui non potete salire»

Questa è la frase choc di un conducente di pullman che avrebbe impedito a una donna non vedente e al suo cane guida di accedere all'interno dell'abitacolo. L'azienda intanto si scusa e promette provvedimenti.

cani_guida_per_non_vedenti«Siamo dispiaciuti e amareggiati per quello che è successo. Attendiamo di conoscere la versione di chi ha commesso il gesto per prendere eventuali provvedimenti». Così i vertici dell’Azienda di trasporti Autoticino hanno commentato il presunto gesto di un autista della compagnia che avrebbe lasciato a piedi una donna cieca perché il suo cane guida era troppo grosso.

L’ACCADUTO
Come racconta La Stampa, la donna, residente a Casale Monferrato, stava aspettando l’autobus per recarsi al lavoro a Vercelli insieme al suo cane guida, un labrador nero che la segue in ogni suo spostamento. Una volta rrivato alla fermata, l’autista del pullman avrebbe impedito alla donna di salire sul mezzo. Un’azione incomprensibile, tanto che diversi passeggeri sono insorti in difesa della non vedente. In molti hanno addirittura minacciato l’autista di chiamare la polizia se non avesse lasciato prendere il pullman alla donna. Dopo le numerose insistenze, l’uomo avrebbe fatto salire la disabile dalla porta posteriore del mezzo, in modo che non la potesse vedere. «Ogni giorno sulle nostre autolinee salgono persone con disabilità fisiche, anche accompagnate dai loro cani guida ieri (mercoledì 14 ottobre 2015) è stato commesso un errore e il comportamento tenuto dal guidatore non ci rappresenta. Mi auguro si sia sbagliato: attendiamo un suo chiarimento», hanno concluso dall’azienda autoticino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , Data: 15-10-2015 04:04 PM


Lascia un Commento

*