«Non chiamatelo sexy shop»

A Torino ha aperto il primo concept store dedicato al piacere femminile. Dietro la cassa due ex professioniste del mondo pubblicitario. Lo slogan del negozio? Amatevi per piacere.

dsc_0666È una boutique dell’eleganza e del relax. In via San Massimo 9 a Torino ha aperto il primo concept store dedicato al piacere femminile. L’idea è venuta a due professioniste pubblicitarie che hanno deciso di reinventarsi una vita. Ma per favore «non chiamatelo sexy shop» è la richiesta delle due donne.

NIENTE PORNOGRAFIA
Giocattoli per adulti, vibratori, mascherine, profumi e lingerie sexy sono i protagonisti di questo piccolo negozio dal gusto retrò. Lovever è il nome del primo sexy shop per sole donne, inaugurato a Torino per offrire anche alle esponenti del gentil sesso un luogo intimo dove poter acquistare tutto quello che si desidera. «Le nostre clienti hanno dai 25 ai 70 anni e non si vergognano a venire da noi come accade negli altri store per uomini», ha spiegato Elisa Sevino una delle titolari. «Non vogliamo lasciare che l’eros sia per forza legato all’immaginario dei sexy shop tradizionali. I nostri toys non hanno nulla a che fare con gli altri. Non hanno forme anatomiche o richiami espliciti alle parti intime maschili. Qui la pornografia non la facciamo entrare». Quindi niente foto hot, niente donne nude.

UN’ALTRA VITA
Prima di aprire Lovever, Elisa e Lidia erano due professioniste affermate nel mondo della pubblicità. «Io lavoravo in una nota agenzia di comunicazione», ha raccontato Elisa Sevino, «Lidia invece era una copyright a partita Iva. Eravamo però entrambe stanche di sacrifici e orari infernali così abbiamo deciso di provare questa nuova esperienza, completamente al buio». L’azzardo pare essere vincente, perché il negozio di via San Massimo ha un buon giro di clienti che scelgono questo posto proprio per la filosofia dell’eros che ci sta dietro. «Il nostro slogan è Amatevi per piacere. Osate. Sentitevi libere di dirlo, farlo, immaginarlo. Una coppia cresce anche attraverso la sperimentazione erotica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*