Louis Vuitton, la moda è cyberpunk

Il fashion designer Nicolas Ghesquière porta alla Paris Fashion Week una collezione ispirata da suggestioni fantascientifiche, tra Matrix e i neon di Tron Legacy.

Immagine anteprima YouTubeÈ  stata affidata a Nicolas Ghesquière la collezione primavera estate 2016 di Louis Vuitton alla Paris Fashion Week. Il fashion designer ha portato in passerella uno show dalle suggestioni futuristiche, attingendo in particolare dall’immaginario cyberpunk, con un vago sapore à la Blade Runner. La colonna sonora, d’altra parte, è firmata dai Daft Punk e arriva da Tron Legacy, mentre i maxischermi che circondavano la passerella erano attraversati da raggi di luce ipercinetici. Ma gli abiti? C’è molta, molta pelle di tutti i colori, anche in rosa. Spazio quindi al mitico chiodo, ai gilet, ad abiti con stampe a effetto cascata che sembrano ricordare il codice verde di Matrix. Onnipresente il logo LV: ricamato, borchiato, in 3D. Ogni occasione è buona per riproporlo. Contrastano con la durezza del chiodo le camicette ricche di volant. Da tenere d’occhio gli accessori, soprattutto le borse: vere e proprie capsule del tempo che ci sembrano spedite direttamente dal futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*