Il compleanno? Se fatto a scuola discrimina

La preside di un istituto di Santhià ha vietato torte e festicciole all'interno del complesso educativo. «Così preveniamo le disparità e i problemi alimentari». Ma i genitori si arrabbiano.

Children having fun at a birthday partyAll’Istituto Comprensivo Sant’Ignazio di Santhià, merendine, torte e panini portati da casa sono stati banditi. Lo ha stabilito la preside della scuola del Vercellese con una circolare in cui si faceva divieto assoluto di «introduzione e consumo di alimenti ad uso collettivo». Anche le feste di compleanno sono state messe al bando. Insomma, secondo le direttive della dirigente scolastica i giovani scolari sono obbligati a mangiare solo alla mensa.

CatturaSCELTA CONTESTATA
La decisione della preside non è andata giù a diversi genitori. In molti non hanno mancato di protestare sul profilo Facebook del sindaco Angelo Cappuccio. Il primo cittadino di Santhià ha promesso di informarsi sulla fantomatica circolare, mettendo comunque in chiaro che l’autorità del Comune in ambito scolastico in realtà è molto limitata.

GIUSTO MOTIVO
Ma le scelte di Annamaria Martinelli, la preside dell’Istituto Comprensivo Sant’Ignazio, non erano animate da cattive intenzioni. La sua era una guerra preventiva ad allergie, ma anche per creare un livellamento democratico. «Non di rado si vedono situazioni in cui alcuni bambini possono portare pasticcini e torte, mentre altri non hanno le disponibilità economiche per farlo», ha spiegato la donna a La Stampa. «L’alimentazione a scuola, inoltre, implica il richiamo a temi connessi alla salute e alla sicurezza», si è difesa.

CHIARIMENTO
La Martinelli ha poi chiarito di non aver escluso la possibilità ai bambini di festeggiare i loro compleanni all’interno delle mura scolastiche. La circolare, infatti, autorizza una super-festa ogni 30 giorni per celebrare tutti i compleanni compiuti nel mese. Con un unico grande limite. Alla festa sono ammessi solo cibi confezionati e muniti di etichetta. L’accorgimento sarebbe utile ai docenti per controllare ingredienti e date di scadenza. Già perchè gli alimenti dovrebbero essere conservati all’interno della struttura per poi essere consumati durante le feste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , , Data: 07-10-2015 01:18 PM


Lascia un Commento

*