La California legalizza l'eutanasia

di Federico Capra
È il quinto Stato americano che apre le porte ai trattamenti di fine vita. Il caso era stato portato in auge da Brittany Maynard, la giovane che si era trasferita in Oregon per ricevere le cure richieste.

100221Lunedì 5 ottobre la California ha legalizzato l’eutanasia. È il quinto Stato americano, insieme a Oregon, Washington, Montana e Vermont, che abbraccia questa pratica. Il governatore della California, Jerry Brown, ha firmato il disegno di legge che permette ai medici, dall’inizio di gennaio 2016, di prescrivere farmaci di fine vita per i malati terminali.

IL CASO SCATENANTE
E pensare che Brittany Maynard, una ragazza californiana di San Francisco Bay, aveva dovuto trasferirsi in Oregon per ricevere i trattamenti di fine vita. Alla 29enne, sposata da poco, le era stato diagnosticato un tumore letale al cervello: il glioblastoma multiforme. Dopo aver scoperto della malattia incurabile la giovane aveva prefertito organizzare minuziosamente gli ultimi mesi che le restavano da vivere. Anche la propria morte. Questo tuttavia non era possibile. Almeno in California. Così Brittany ha iniziato una lunga battaglia per garantire la dignità della morte anche ad altri pazienti terminali risiedenti nello Stato.

UN’ASSOCIAZIONE
La 29enne ha istituito così The Brittany Maynard Fund, un’associazione che, in collaborazione con Compassion & Choices, lotta per rendere legale la libera scelta sulla fine della vita.

Immagine anteprima YouTube

UN VIDEO AI POSTERI
«Morirò al piano di sopra, nel letto che condivido con mio marito. Morirò serenamente, con della buona musica di sottofondo. Non riesco neanche a spiegarvi il sollievo che provo nel sapere che non devo morire nel mondo in cui mi è stato detto: divorata dal mio cervello». Con queste parole Brittany ha spiegato i motivi che l’hanno portata a fare questa scelta. Un video per sensibilizzare l’opinione pubblica e spingere il dibattito sull’eutanasia nelle sale della politica statunitense. Una battaglia che la ragazza, morta a novembre del 2014, ha vinto il 5 ottobre 2015. Il provvedimento dello Stato della California dispone tuttavia che i pazienti siano malati terminali e coscienti, possano assumere il farmaco autonomamente e che siano due medici diversi ad approvare la terapia. Ospedali e medici hanno anche la possibilità di non prescrivere questi medicinali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , Data: 06-10-2015 01:58 PM


Lascia un Commento

*