Da Margiela sfilano gli Anni '50

Seconda prova per il direttore artistico della maison John Galliano. Che ha portato in passerella il suo stile inconfondibile stravolgendo forme e materiali. Ma anche la distinzione tra i sessi.

PARIS, FRANCE - SEPTEMBER 30:  Models walk the runway during the Maison Margiela show as part of the Paris Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2016 on September 30, 2015 in Paris, France.  (Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)A Parigi è andata in scena la collezione per la primavera-estate 2016 di Maison Margiela. Seconda prova per John Galliano – direttore artistico del brand dal 2014 – che ha impresso nuovamente il suo marchio di fabbrica unico e distinguibile tra tutti gli altri. Portando in passerella un guardaboba di broccati, tailleur, ricami e top Anni ’50 che vengono stravolti tanto per forma quanto per materiale.
Fino a uno stravolgimento di genere, con modelli abbigliati con abiti femminili che rendono ancora più indefinita la distinzione tra i sessi in fatto di abbigliamento.
Un linguaggio contemporaneo pescando nel passato. Protagonisti diventano la gommapiuma, il neoprene, il nylon, l’organza e il cloque, che concorrono a creare un alone artificiale ad una passerella haute couture, abbinandosi a volumi ben delineati, specchi infranti come decorazione, pennellate d’oro che arricchiscono le gonne a panier, obi che costringono i bustier. In questo vortice di idee e creazioni, i tessuti si tingono di bianco, nero, aubergine, viola, verde e rosso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Fashion, video Argomenti: , , , , Data: 05-10-2015 11:09 AM


Lascia un Commento

*