Indagato il fidanzato della Pezzopane

Il reato sarebbe estorsione. Simone Coccia Colaiuta e il suo manager Ivan Sampietro avrebbero inventato un contratto fallito per chiedere 20mila euro di danni ad Alessandro Maiorano.

o-PEZZOPANE-facebookLa loro storia d’amore aveva colpito tutta l’Italia. Lei è Stefania Pezzopane, senatrice in forza al PD; lui è Simone Coccia Colaiuta, spogliarellista, corteggiatore a Uomini e Donne nonché Mister Italia 2012. Ma ora, l’idillio erotico-sentimentale («A letto no limits», aveva dichiarato lui orgoglioso in un’intervista a Le Iene) dovrà affrontare una prova piuttosto ostica. Perché Coccia è indagato per estorsione. La cifra in ballo? 20mila euro.

UN’INCHIESTA DOPO L’ALTRA
A raccontare la vicenda è linkiesta.it. I fatti risalgono al 2014. All’epoca, Coccia litigò su un social network con Alessandro Maiorano, salito alla ribalta per le sue accuse a Matteo Renzi. I due si minacciarono reciprocamente di querele. Intanto, le linee telefoniche di Coccia e del suo agente Ivan Giampietro erano già controllate dalla Digos, che indagava su un’altra inchiesta relativa a presunti ricatti ai danni proprio di Stefania Pezzopane e di Gianni Chiodi, ex governatore dell’Abruzzo. Così, tutto quello che Giampietro e Coccia si dicono riguardo al litigio con Maiorano viene messo agli atti.

«SO’ UN GENIO»
Coccia aveva spiegato a Giampietro di aver già denunciato Maiorano, ma l’agente gli consigliò di puntare anche sul danno d’immagine per un contratto da 20mila euro annullato a causa del litigio. «Questa è una storia che mi devo inventà io praticamente…», è il commento di Coccia. La storia che misero insieme è la seguente: l’agenzia di Giampietro «aveva pattuito, verbalmente e preventivamente, un importo di 20mila euro per due anni» da dare a Simone Coccia, che avrebbe dovuto fare da testimonial proprio all’agenzia. Dopo il litigio su Facebook, il contratto sarebbe saltato. Chiesti lumi all’avvocato sulla fattibilità della cosa, i due procedettero con i loro piano. Congratulandosi l’uno con l’altro:«Comunque so’ un genio, certo volte mi dico bravo da solo», dice Giampietro. E Simone risponde: «No, no tu sei un fenomeno, se tu ti vuoi inculà tutto il mondo lo fai tranquillamente ad occhi chiusi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*