Londra è accessoriata

di Enrico Matzeu
Abbiamo seguito le sfilate della fashion week londinese per cogliere le tendenze di scarpe e borse per la stagione primavera-estate 2016. Scopriamole, tra innovazioni e solite conferme.

A model walks the runway at the Pringle Of Scotland show during London Fashion Week Spring/Summer 2016 on September 20, 2015 in London, England.Dopo New York, tocca a Londra dettare le tendenze per la primavera/estate 2016. Le passerelle inglesi sono sempre le più eccentriche e quelle che solitamente lasciano spazio ai più giovani. Tra i marchi italiani troviamo Antonio Berardi e Versus, la linea giovane di Versace, con il debutto di Anthony Vaccarello alla direzione artistica. Come sempre, sfilano le scuole di moda e i marchi storici della moda inglese, da Burberry Prorsum a Vivienne Westwood Red Label. Tra completi giacca e pantalone, abiti easy-chic e derive pop, le tendenze inglesi per la prossima estate confermano il ruolo spartiacque di Londra, che si frappone tra New York e Milano. Questa volta, però, Letteradonna.it si è voluta concentrare sugli accessori, per capire che cosa è giusto tenere d’occhio e completare i look della prossima stagione calda con borse e scarpe adeguate.

Da sinistra verso destra: Paul Smith, Vivienne Westwood Red Label e Pringle of Scottland, collezioni primavera/estate 2015-16.

Da sinistra verso destra: Paul Smith, Vivienne Westwood Red Label e Pringle of Scotland, collezioni primavera/estate 2016.

BORSE MAXI
Partiamo dalle borse. Come sempre, la scelta è amplissima. Se la tendenza generale è quella di portarle a mano (e non per i manici), pur non trattandosi delle classiche pochette, a prevalere sono i due estremi: le mini e le maxi. Tra quelle più grandi, Paul Smith propone delle shopping bag squadrate, dai colori vitaminici ma dal profilo sobrio. Sono morbide e molto sportive quelle disegnate da Vivienne Westwood per la sua Red Label, con disegni geometrici su tessuti tecnici. Per Pringle of Scotland, invece, sono bianche e fatte a crochet, ma pur sempre maxi.

Da sinistra verso destra: Holly Fulron, Barbara Casasola e Topshop Unique, collezioni primavera/estate 2015-16.

Da sinistra verso destra: Holly Fulron, Barbara Casasola e Topshop Unique, collezioni primavera/estate 2016.

MINI BAG
Soddisfatte anche coloro che amano i minimalismi. La borsa piccola è quasi sempre portata a spalla, oppure tenuta a mano, nonostante abbia la tracolla. Quelle proposte da Barbara Casasola, ad esempio, sono tondeggianti e sembrano dei piccoli beauty. Da Topshop Unique sono invece in pelo nero e si portano appese alla spalla su abiti svolazzanti e trasparenti. Holly Fulton poi ha pensato a delle clutch marroni che ricordano piccoli scrigni magici in cui far stare tutti i vostri segreti.

Da sinistra verso destra: Antonio Berardi, Mary Katranzou e Giles, collezioni primavera/estate 2015-16.

Da sinistra verso destra: Antonio Berardi, Mary Katranzou e Giles, collezioni primavera/estate 2016.

SANDALI ALTI E COPRENTI
Per quanto riguarda le scarpe, gli stilisti amano arrampicarsi sulle caviglie, con sandali o addirittura tronchetti dal tacco alto che evidenziano il dorso del piede. Sono fatti di intrecci color aragosta e leggermente metallizzati quelli di Antonio Berardi, mentre Mary Katrantzou propone stivaletti bassi e pitonati con mille chiusure sul davanti e un tacco concettuale. Giles abbina ai suoi abiti pomposi in taffetà décolleté bianche molto aperte con una chiusura molto evidente sulla caviglia. La scarpa alta e molto strutturata è un must anche per Issa e Julien MacDonald.

Da sinistra verso destra: Burberry Prorsum, Barbara Casasola e Erdem, collezioni primavera/estate 2015-16.

Da sinistra verso destra: Burberry Prorsum, Barbara Casasola e Erdem, collezioni primavera/estate 2016.

SCARPE RASO TERRA
Possono stare tranquille le donne che amano andare in giro comode. Come per la scorsa estate, le scarpe basse, in particolare i sandali in stile ciabatta, continuano a dettare i trend. Burberry Prorsum ha pensato a dei sandali neri dalla linea sportiva ma impreziositi da vistose catene d’oro, mentre da Barbara Casasola le ciabattine sono più glamour e minimal. Basse, a punta e con il tacchetto squadrato le scarpe di Erdem, ricche di ricami in contrasto. Calzature bassissime anche da Temperley e Vivienne Westwood Red Label.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*