«Le chance dividono bianchi e neri»

Ecco chi è Viola Davis, la prima donna afroamericana a vincere la statuetta come migliore attrice in una serie drammatica. Agli Emmy Awards 2015 trionfa anche Game of Thrones.

67th Annual Primetime Emmy Awards - Press RoomNella serata degli Oscar della televisione americana, Game of Thrones ha battuto ogni record. Dodici Emmy Awards, tra cui miglior serie drammatica, regia e attore non protagonista, per la serie ispirata ai romanzi di George RR Martin, un record di premi per una singola edizione degli Emmy. Ma è record anche su un altro fronte della notte di Los Angeles. Per la prima volta nella storia a portarsi a casa la statuetta di migliore attrice in una serie drammatica è stata una donna afroamericana: Viola Davis, protagonista di How To Get Away with Murder.  

US-ENTERTAINMENT-TELEVISION-EMMYS-PRESS ROOM

UN DISCORSO CHE HA FATTO LA STORIA
Il forte abbraccio con l’altra candidata di colore, Taraji P. Henson, protagonista di Empire, è stato l’inizio di un momento commuovente che ha fatto la storia. Viola Davis, appena salita sul palco, ha cominciato il suo discorso di ringraziamento con una citazione di Harriet Tubman, attivista di colore dell’Ottocento impegnata nell’abolizione della schiavitù e nel movimento per il suffragio femminile. «Nella mia mente vedo una linea. Oltre quella linea, vedo campi verdi e splendidi fiori e donne bianche bellissime che con le loro braccia si allungano verso di me oltre quella linea. Ma io non riesco a capire come fare per arrivare là. Non riesco a superare quella linea». Viola Davis, nata nella Carolina del Sud, ma cresciuta a Rhode Island, ha già vinto due Tony Awards, tre Drama Desk Awards,  mentre nel 2009 ha ricevuto una candidatura ai Golden Globe e agli Oscar per la sua interpretazione ne Il Dubbio. Ha poi riottenuto un’altra nomination agli Oscar 2012, questa volta come migliore attrice protagonista per The Help. «L’unica cosa che separa le donne nere dalle altre sono le opportunità», ha dichiarato l’attrice visibilmente emozionata. «Non si può vincere un Emmy per ruoli che semplicemente non esistono».

Immagine anteprima YouTube

GLI ALTRI PREMI: VINCE IL POLITICAMENTE SCORRETTO
Il premio per il migliore attore protagonista in una serie drammatica è andato a Jon Hamm per la sua interpretazione in Mad Men, mentre il migliore attore in una commedia è stato Jeffrey Tambor, professore attempato che decide di cambiare sesso in  Transparent, prima serie prodotta da Amazon. Tambor, che per il secondo anno di fila vince per questo ruolo, ha dedicato il premio alla comunità LGTB, come ha fatto la regista Jill Soloway (Trasparent ha vinto anche come miglior regia in una commedia), cui le vicende della serie sono ispirate.  La statuetta di migliore attrice comica è andata invece a Julia Louis-Dreyfus per Veep, premiata anche come serie migliore della sua categoria.Veep ,commedia inno al politicamente scorretto, ha per protagonista una vicepresidente degli Stati Uniti stupida e svampita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*