Le nuove frontiere del beauty care

di Stefania Maroni
La cosmetica è in continua evoluzione. Letteradonna.it vi segnala gli inediti principi attivi creati nei laboratori più all’avanguardia, con una gallery dedicata ai prodotti che li contengono.

ThinkstockPhotos-177034685Dopo la pausa estiva, per la cosmetica si apre una stagione di grandi novità, in particolare riguardo al beauty care. A volte si tratta di formule inedite, a volte di rivisitazioni. In ogni caso, segnano un passo avanti nel raggiungimento di un obiettivo comune: una pelle luminosa e senza imperfezioni a tutte le età. Ma quali sono i principi attivi su cui puntano le case cosmetiche più prestigiose? Per scoprirlo, Letteradonna.it ha curiosato nei loro laboratori. E nella gallery in fondo all’articolo troverete una selezione dei prodotti che li contengono.

ThinkstockPhotos-159011477VERDI ELISIR DI GIOVINEZZA
Oggetto di continui studi e ricerche, i derivati vegetali continuano a tenere banco, spesso mixati tra loro. Emblematico il Phyto-Complexe LC12 brevettato da Sisley, in grado di preservare l’integrità delle cellule cutanee, oggi associato a oli vegetali nutrienti. Anche iCare e Lancaster fanno largo uso di fitocomplessi, soprattutto ad azione antietà; mentre Estée Lauder ha messo a punto l’innovativa Tecnologia Rimodellante, quasi esclusivamente a base vegetale, mirata a ridensificare la pelle. Non fa eccezione Elizabeth Arden che, per il primo nato della linea Arden Active Skincare, ha scelto un mix di fitoestratti e probiotici attivo su più fronti. L’Occitane, invece, punta sulle straordinarie proprietà idratanti dell’angelica.

PEPTIDI EFFETTO LIFTING
Rendere meno evidenti le rughe e più compatta la pelle: è questo il compito dei vari tipi di peptidi (molecole di sintesi formate da due o più aminoacidi) impiegati in cosmetica. Come gli esapeptidi leviganti (agiscono come un filler) e i tri-peptidi botox like (riducono le microcontrazioni cutanee), presenti nelle formule più all’avanguardia di Strivectin.

ThinkstockPhotos-78621947VITAMINE DALL’ AZIONE AD AMPIO RAGGIO
Da sempre utilizzate in cosmetica, le vitamine esprimono al massimo il loro potenziale antiage nell’esclusivo complesso Formula 3 creato da Bionike. Ma questi preziosi principi attivi non sono utili soltanto per attenuare i segni del tempo. Grazie alla sua azione antibatterica, antinfiammatoria e seboregolatrice, per esempio, la vitamina PP (niamicide) risulta molto efficace nel trattamento cosmetico dell’acne. Sembra, però, che i risultati migliori si ottengano combinandola con il gluconolattone, un idrossiacido derivato dallo zucchero. Il merito della scoperta va ai Laboratoire Dermatologique SVR.

DAL MARE ENZIMI ENERGETICI
Provengono dall’alga blu e da un batterio marino due varietà di enzimi molto speciali. Isolati nei laboratori Filorga, secondo i ricercatori, uno ha la capacità di potenziare i meccanismi di ristrutturazione del DNA cellulare, l’altro di catturare l’energia potenzialmente nociva dei raggi ultravioletti e infrarossi per trasformarla in energia positiva, capace di contrastare rughe e cedimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*