L'ecstasy l'ha ridotta così

La cugina di Amy Thomson, Kayla, lancia un appello a tutti coloro che assumono MDMA in un video pubblicato sui social: «Smettetela di assumere quella porcheria».

ad_180491845«Grazie a tutti per il vostro supporto». Poche parole, dette a fatica. Il volto alterato in una smorfia assente. Tutto per colpa dell’ecstasy. Un video toccante, crudo, difficile da digerire. Così la famiglia di Amy Thomson, una giovane ragazza di Glasgow, ha voluto mostrare al mondo gli effetti della MDMA  sulla loro figlia 16enne.

STATO VEGETATIVO
La vita di Amy è cambiata drasticamente quando ha assunto una pastiglia di ecstasy a giugno 2015. Subito dopo aver ingerito la compressa, la giovane si è accasciata a terra. Poi la corsa in ospedale dove la ragazza ha combattuto per diverse settimane tra la vita e la morte. Fortunatamente Amy è sopravvissuta ma la droga assunta le ha danneggiato gravemente il cervello tanto da renderla incapace di svolgere anche le azioni più semplici. Nonostante questo la famiglia della 16enne spera che, con le cure adeguate e l’aiuto dei medici, la giovane possa migliorare ulteriormente.

Immagine anteprima YouTube

APPELLO
Il video è stato girato dalla cugina di Amy, Kayla. Su Facebook la ragazza, dopo aver pubblicato il filmato, ha voluto lanciare un appello. «Alcune persone potrebbero aver riso, pianto o essere rimaste scioccate dopo aver visto queste immagini, ma questo è quello che una piccola pillola può fare al vostro corpo», scrive. «Spero che vedendo il filmato apriate gli occhi e la smettiate di assumere queste porcherie», ha continuato. Kayla ha spiegato che, fortunatamente, la cugina ha fatto progressi nella lotta per ritornare ad una vita normale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, video Argomenti: , , , , Data: 10-09-2015 04:16 PM


2 risposte a “L’ecstasy l’ha ridotta così”

  1. Rio scrive:

    Terrorismo mediatico.
    Non solo inutile, ma spesso dannoso, perché mina la credibilità della stampa.
    Indicate dosi, modalità, verificate i resoconti (“subito dopo si è sentita male”. Ma cosa ha preso, acido muriatico? Perché “salga”, l’ecstasy richiede dai 30 ai 50 minuti, e non è una questione di dose).

    Nessuno qui sta dicendo che di MDMA, il principia attivo dell’ecstasy, non si muoia.
    La dose sicura per una ragazza minuta non dovrebbe MAI superare i 70 milligrammi. Ma qui ci sono ragazzi che prendono 2 grammi, addirittura 3 grammi, qualcuno; una dose che ammazzerebbe quasi chiunque.

    Posto che i ragazzi l’ecstasy la prendono lo stesso, dite queste cose.
    Dite loro che l’ecstasy non va d’accordo con gli antistaminici, perché può causare crisi ipertensive anche a dosi ragionevoli.

    Voi certe cose le dite?
    No.
    Meglio un bell’articolo generico ed allarmista: voi vi mettete la coscienza a posto, chi non si drogava continuerà a non farlo, chi lo faceva prima continuerà a farlo e se mai dovesse uscire sul mercato una nuova droga DAVVERO letale a dosi minime, voi lo direte, ma nessuno vi crederà, perché sinora avete fatto allarmismo.
    Complimenti.

  2. Teo scrive:

    Signor Rio, faccia questo discorso alla famiglia della ragazza.

    La dose sicura di MDMA per una persona non dovrebbe MAI superare gli 0 milligrammi. Dica ai ragazzi che l’ecstacy non va d’accordo con la vita.
    Lei certe cose le dice?
    Forse no.

    Lei si metterà la coscienza a posto, ma continueranno ad esistere droghe che rovinano l’esistenza e persone che difendono il loro uso con mille distinguo.

Lascia un Commento

*