«L'addetto ha tirato fuori il pene»

Giulia Innocenzi racconta le molestie subite durante un viaggio in Iran. Ma tra i commentatori c'è chi l'accusa di fare propaganda sionista e chi la invita a farsi violentare nelle periferie romane.

l43-innocenzi-130110131626_bigStrano posto, questo Internet. Se vai in Turchia e ti metti il velo, la gente ti si scaglia contro per aver aderito alla cultura musulmana che molesta e maltratta le donne. Vai in Iran, ti metti il velo, denunci pesanti molestie sessuali e tornata a casa ti dicono che stai facendo propaganda sionista e antiiraniana. Succede, in questo ultimo caso, alla giornalista Giulia Innocenzi, che sul suo blog ha raccontato la «esperienze molto negative» del suo ultimo viaggio.

Cari amici che mi state dando della “serva della propaganda” per aver scritto quello che purtroppo è successo a me e…

Posted by Giulia Innocenzi on Martedì 25 agosto 2015

PALPEGGIAMENTI CONTINUI
Giulia Innocenzi ha visitato l’Iran in compagnia della sua amica e collega Maddalena Oliva. Entrambe, appassionate viaggiatrici, sono rimaste scioccate dall’esperienza iraniana. Negli affollati bazar, infatti, sono state costantemente vittime di palpeggiamenti al sedere. A Teheran le due sono state inseguite da un uomo che, con gesti molto espliciti, faceva capire di essere sessualmente interessato alla coppia di amiche.

L’INSERVIENTE COL PENE DI FUORI
L’inserviente di una moschea, invece, si è presentato alle due «tirando fuori il pene» e passeggiando loro di fronte a pochi metri dalla biglietteria della moschea. L’ultimo caso è quello che la Innocenzi definisce come il peggiore: un vero e proprio assalto subito da un ragazzo in motorino che ha afferrato per il sedere una delle due, desistendo solo al suono delle urla di aiuto lanciate a squarciagola dalle due turiste.

UN COSTUME DIFFUSO
Dopo queste pessime esperienze, avvenute tutte nei primi giorni del viaggio, Giulia e Maddalena hanno deciso di rivolgersi a una guida donna, che dapprima ha confessato di aver subito un tentativo di stupro al liceo, e che poi ha confermato come le molestie sessuali ai danni delle donne siano all’ordine del giorno in Iran, nonostante la rigida educazione islamica vieti assolutamente qualsiasi contatto tra uomini e donne prima del matrimonio. Le molestie, continua la Innocenzi, spesso hanno anche carattere omosessuale.

COMMENTI E MINACCE
Come detto in apertura, il reportage della Innocenzi ha raccolto numerosi commenti, quasi tutti negativi o addirittura aggressivi. Molti affermano che in Italia gli stessi comportamenti sono all’ordine del giorno, altri dicono che non è corretto generalizzare e la accusano, a latere, di non comprendere assolutamente nulla della cultura iraniana. Ma non mancano nemmeno le minacce condite da un perverso patriottismo: «Perché non andate a farvi violentare nella periferia romana?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , , , , Data: 28-08-2015 12:35 PM


Una risposta a “«L’addetto ha tirato fuori il pene»”

  1. rossella scrive:

    Carissima Giulia, tranquilla, qua da noi, in Italia, io ne ho subite di palpeggiamenti e di abusi anche dalle forze dell’ordine, che forti del loro possesso di armi, attuano un abuso di potere esclusivamente per fare i PORCI quali sono. Non meravigliamoci più di niente, quindi, sono tutti in complotto per non farci avere rispetto, altro che leggo e giustizie EF in Italia siamo messo leggi che in Iran, te lo assicuro !!!!!! Dobbiamo solo andare sempre armate di qualcosa che ci possa tornare utile in caso di aggressione e fregarcene di quello che dicono e dei giudizi, tanto è un parlare di soli PORCI, non fa voce !!!!! Ricordarlo sempre, ad una offesa si risponde sempre con una offesa : un bel calcio diritto e assestato nei gioielli di famiglia e passa la paura. Ciao un abbraccio con tanto affetto
    Rossella.

Lascia un Commento

*