Metro in 'rosa', sì o no?

La proposta del candidato alla guida del partito laburista inglese Jeremy Corbyn ha diviso l'Inghilterra. Dal Messico al Giappone i Paesi dove è già realtà.

mezzi pubblici donne

Vagoni della metro ‘women only’ dopo le  10 di sera. È la proposta del candidato alla guida del partito laburista inglese Jeremy Corbyn per abbattere il numero di molestie sessuali sui mezzo pubblici britannici. Una soluzione che suona un po’ come «siete più deboli, vi separiamo per proteggervi» e implica il fatto che debbano essere le donne a cambiare i loro comportamenti e non chi le assale. È proprio questo che Yvette Cooper, anche lei candidata al vertice del partito, ha sottolineato su twitter.

PAESI ARABI MA NON SOLO
Lontana dall’essere la prima proposta di questo tipo, l’ultima era arrivata nel 2014 dal ministro dei trasporti Claire Perry, nel mondo sono tanti i Paesi passati dalla teoria alla pratica. Paesi arabi come Egitto, Emirati Arabi, Iran, ma anche India, Giappone, Indonesia, Brasile e Messico. Le argomentazioni a favore degli spazi per sole donne sono varie e supportate anche da alcuni studi. E se, secondo una ricerca dalla Middlesex University di Londra datata febbraio 2015 non ci sono elementi definitivi che proverebbero una maggiore sicurezza delle donne inglesi nei mezzi pubblici con luoghi a loro riservati, un report del 2008 elaborato a Città del Messico attesta che i casi di molestie sessuali sono passati da cinque a uno al giorno dopo l’introduzione di vagoni ‘ladies only’. In Giappone, più di una donna su due vorrebbe averne di più. Ecco i casi simbolo.

L’IRAN E GLI ALTRI
In Iran uomini e donne sono completamente separati sui mezzi pubblici. Anche alle coppie sposate è richiesto di sedersi lontane. Ci sono dei vagoni della metro riservati solo alle donne ma l’uso è opzionale. Gli autobus e i treni a lunga percorrenza sono invece misti. A Dubai, nelle ore di punta, la metro ha spazi riservati solo alle donne, negli autobus i posti davanti sono ‘ladies-only’  e ci sono anche dei taxi ‘rosa’ con tanto di tassiste. L’Egitto ha introdotto vagoni per le donne nel 2007. Una ricerca delle Nazioni Unite suggerisce che il 99% delle intervistate sono state vittime di molestie fuori dalle mura domestiche. Le molestie sessuali sono diventate reato in Egitto solo nel 2014.

treno sole donne in india

AMERICA LATINA E INDIA
Rio de Janeiro ha inserito per la prima volta nel trasporto pubblico dei vagoni riservati alle donne nel 2006. Ma non sono obbligatorie e vengono raramente usate. Stesso discorso per il Messico. In India alle donne sono riservati interi treni. Ce ne sono a Calcutta, Mumbai, Madras anche se in alcuni il personale è comunque di sesso maschile.

GIAPPONE
In Giappone i vagoni riservati solo alle donne sono presenti in ben nove linee di metro e nei treni a lunga percorrenza da circa un decennio. Le statistiche sono imbarazzanti per il Paese:  più di una donna due è stata assalita o molestata nei mezzo pubblici di Toyko.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , , , , , Data: 27-08-2015 01:50 PM


Lascia un Commento

*