Anche la moda diventa vegana

Stella McCartney dice 'no' alla lana prodotta maltrattando gli animali. Sono 298 i brand del lusso e non a scegliere di commercializzare capi 'cruelty-free'.

Stella-stella-mccartney-1486314-1024-768

L’ultimo caso è quello della casa di moda guidata dalla stilista Stella McCartney.  Dopo aver  progressivamente rinunciato a proporre nelle collezioni pelle, pellicce e seta da poco è arrivato anche lo stop alla lana, o almeno a quella prodotta maltrattando gli animali. «Rinuncio alle pecore della Patagonia: stiamo cercando di produrre lana vegana», ha fatto sapere la figlia dell’ ex «Beatles» Paul e come lui vegetariana e attivista per i diritti animali. L’annuncio è arrivato dopo che, grazie a dei video-denuncia diffusi dall’associazione animalista britannica Peta, la McCartney ha identificato in uno dei 23 allevamenti argentini incriminati proprio uno dei suoi fornitori di lana a lei spacciata come sostenibile.

ALLEVAMENTI CRUDELI
Le pratiche alle quali le pecore vengono sottoposte sono più che crudeli: si va dagli agnelli scuoiati vivi, alle pecore sgozzate, fino alle code tagliate e alla pratica del ‘mulesing’,ovvero l’ asportazione della pelle della zona attorno all’ano senza anestesia. «Non possiamo tollerare una cosa simile, la nostra iniziativa era nata per aiutare e proteggere un milione di acri di pascoli in via di estinzione in Patagonia, curando il benessere degli animali», ha commentato la stilista.

STELLA NON È SOLA
La casa di moda delle McCartney non è l’unica a credere che un approccio ‘cruelty- free’ sia ormai un imperativo morale. Di recente il brand Hugo Boss ha siglato un’ intesa con la Fur Free Alliance, associazione internazionale che raccoglie oltre 40 équipe animaliste di 28 diversi Paesi, e dall’Autunno/Inverno 2016 saranno fur-free tutto a vantaggio di capi in eco-pelle e in eco-pelliccia. Ma boss è solo uno dei 298 brand di lusso e non che sostengono di aver rinunciato a produrre capi confezionati con pellicce aniimali, o di stare per farlo Da Calvin Klein a Armani, passando per Abercrombie & Fitch, H&M, Benetton, Lacoste, Timberland,  Zara.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*