«Ci hanno stuprate, noi li uccideremo»

di Luca Burini
Un'ex cantante yazida ha creato un battaglione tutto al femminile che è pronto a combattere l'Isis per vendicare gli abusi dello Stato Islamico. La milizia comprende già 123 donne tra i 17 e i 30 anni.

CMvG5PGWIAA7ICX.jpg largeCon la sua musica folk aveva conquistato l’Iraq, ma l’avvento dell’Isis ha cambiato la vita della famosa cantante yazida Xate Shingali che ora guida Sun Girls, un battaglione tutto al femminile che vuole vendicare le atroci sofferenze patite dalla popolazione yazida, vittima delle incursioni degli jihadisti.

ASSETATE DI VENDETTA
Il plotone è nato il 2 luglio e comprende 123 donne soldato dai 17 ai 30 anni. Tra loro molte sono state sottoposte a crudeli sevizie sessuali o sono state obbligate a sposare un guerrigliero dello Stato islamico. Sopravvissute alle torture e all’orrore, ora giurano di voler ricambiare il dolore: «Ci hanno stuprate, li uccideremo», dicono loro.

«PRONTE A COMBATTERE»
L’idea di formare questa milizia speciale è venuta proprio a Xate Shingali, che ha trovato anche l’appoggio del presidente curdo. Per ora, come ha spiegato al Daily Mail l’artista trentenne, l’addestramento è basico. Ma anche se le Sun Girls avrebbero bisogno di tempo per imparare i segreti del mestiere, giurano di essere «pronte a combattere in qualunque momento». Anche accanto alle donne peshmerga che già da tempo sparano contro i guerriglieri dell’Isis, come le appartenenti alla unità speciale femminile curda Ypg, impegnata, tra le altre cose nella liberazione e nella difesa di Kobane, la città siriana ai confini con la Turchia strappata all’Isis durante l’inverno 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , Data: 19-08-2015 01:52 PM


Lascia un Commento

*