Se la figlia affoga per salvare l'onore

Il padre ha impedito ai soccorritori di aiutare la ragazza in difficoltà mentre faceva il bagno nel mare di Dubai.

Burj Al Arab hotel by the beachUna ragazza di 20 anni è morta annegata nelle cristalline acque delle spiagge di Dubai perché il padre ha impedito ai bagnini di soccorerla. L’uomo temeva che la ragazza potesse perdere il suo onore se toccata da mani estranee.

LA RICOSTRUZIONE
A raccontare l’accaduto al sito Emirates247.com è stato il vice-direttore del dipartimento di ricerca e soccorso della polizia di Dubai, Lt. Col Ahmed Burqibah. La ragazza di origine asiatica ha avuto alcuni problemi, domenica 9 agosto 2015, mentre si trovava in acqua. La giovane ha subito attirato l’attenzione dei bagnini che si sono immediatamente mobilitati per prestare i primi soccorsi.

«NON TOCCATE MIA FIGLIA»
Le grida d’aiuto della 20enne hanno attirato anche l’attenzione del padre che subito ha bloccato i bagnini pronti ad entrare in acqua. L’uomo sosteneva che, se la figlia fosse stata toccata da quelle mani, sarebbe stata disonorata per sempre. Nonostante i tentativi, il padre si è contrapposto con forza e aggressività ai soccorritori sino a quando la ragazza non è annegata. «Una morte inspiegabile. La giovane si sarebbe potuta facilmente salvare se l’uomo avesse lasciato agire i bagnini», ha dichiarato Lt. Col Ahmed Burqibah.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , Data: 10-08-2015 05:30 PM


Lascia un Commento

*