La donna più potente del mondo

Adriano Angelini Sut racconta la vita di Jacqueline Kennedy Onassis in una biografia sotto forma di memoires. Nel libro la politica e la storia incontrano amore e gossip.

CoverAngeliniÈ stata una delle donne più affascinanti e potenti del XX secolo. Prima a fianco di John  Fitzgerald Kennedy, 35esimo presidente degli Stati Uniti D’America, poi a quello del migliardario Aristotele Onassis che per lei lasciò la cantante lirica Maria Callas. Parliamo di Jacqueline Lee Bouvier (Southampton, 28 luglio 1929 – New York, 19 maggio 1994) una donna partita dall’alta borghesia americana che ha conquistato il mondo. La sua vita è stata già raccontata in film e libri. Tra i più recenti c’è  Jackie di Adriano Angelini Sut (Editore Gaffi pp. 414, 20 euro).

LA TRAMA
Utilizzando la forma del memoir, Adriano Angelini Sut dà voce a una delle figure più amate degli Anni ’60 del secolo scorso. L’autore immagina che Jacqueline racconti tutti i segreti della sua vita dal letto di morte nel suo appartamento di New York al fratellastro Yusha Auchincloss. Passioni e gioie, debolezze e momenti tragici. Fulcro dell’opera è l’assassinio di Kennedy, ucciso a Dallas. Ma  anche l’adolescenza di Jackie, il corteggiamento del primo marito e il secondo matrimonio trovano spazio nella narrazione dell’autore.

POLITICA, STORIA E GOSSIP
Jackie infatti non è solo un libro storico-politico. Angelini Sut ha voluto indagare anche sui tanti gossip che hanno caratterizzato la vita della donna. Dai presunti e costanti tradimenti del marito John, sino alla love story avuta con il cognato, Robert. Poi la fuga in Grecia dopo la morte dei fratelli Kennedy e l’incontro con Onassis. Un matrimonio che destò curiosità e perplessità tra l’opinione pubblica dell’epoca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*