«Donne e cinema? Solo passi indietro»

Parola di Emma Thompson, due volte premio Oscar, che in un'intervista tuona contro il sessismo dell'industria cinematografica e della società. Come lei già Meryl Streep e Helen Mirren.

emma thompson

«Quando ero giovane credevo davvero che ci saremmo avviati verso un mondo migliore ma se osservo come stanno le cose adesso noto che la situazione si è addirittura aggravata, soprattutto per le donne. Non ci sono stati miglioramenti apprezzabili, anzi la questione di come si ritiene che le donne debbano apparire è peggiore oggi di un tempo». Parole, di fuoco, che l’attrice britannica Emma Thompson ha rilasciato al settimanale RadioTimes. Una denuncia contro il sessismo e la discriminazione che le attrici, non importa se Hollywoodiane o no, devono affrontare tutti i giorni. La sua voce va ad aggiungersi a quella di molte altre colleghe che da tempo rivendicano la parità di genere e opportunità anche al cinema.

SE UN’ATTRICE È VECCHIA A 30 ANNI
Da Meryl Streep a Helen Mirren, passando per Maggie Gyllenhaal e Keira Knightley, gli appelli a invertire lo status quo non sono mancati: perché i ruoli per le donne over 50 sono pochi e stereotipati e, se gli uomini possono recitare senza troppe costrizioni qualsiasi tipo di ruolo anche in età avanzata, le loro controparti femminili sono considerate ‘vecchie’ quando hanno appena più di 30 anni. «La situazione è inquietante e molto triste. Per questo cerco di seguire il maggior numero di giovani attrici. Le conversazioni con loro ruotano spesso intorno alla constatazione che nulla è cambiato, e che alcune forme di sessismo sono addirittura più consolidate e diffuse di un tempo», ha continuato l’attrice.

IMBRUTTIRSI PER LAVORARE
Una battaglia che Emma Thompson non combatte solo per sè: è una bellissima e bravissima attrice di 56 anni due volte premio Oscar e 5 volte candidata alla statuetta più ambita. Una di quelle che rifugge il ritocco estetico, che non ha paura di imbruttirsi e invecchiarsi per esigenze di copione. Ha vestito i panni di Tata Matilda e di Sibilla Cooman, l’insegnante di Divinazione nella saga di Harry Potter. Questa volta si è spinta ancora oltre e per interpretare una prostituta 77enne nel film The Legend of Barney Thomson,  ha accettato di  sottoporsi a tre ore e mezzo di trucco ogni giorno di riprese  e a 45 minuti di sessione per rimuovere il tutto dopo aver girato. Il tutto per diventare Cemolina, mamma un po’ sbandata dell’attore Robert Carlyle, che è anche regista ed è più giovane della Thompson di soli due anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , Data: 22-07-2015 06:26 PM


Lascia un Commento

*