Maturità, nel 2015 tutti più cervelloni

di Federico Capra
Crescono gli studenti promossi con il massimo dei voti, mentre sono in calo i bocciati. A Milano raddoppiate le lodi, bene anche Bologna e Palermo.

MATURITA': CON INVIO ON-LINE TRACCE TAROCCATE ADDIO«Secondo le prime rilevazioni, non ancora completate, contiamo un leggero aumento degli studenti diplomati con 100 e lode e con 100 centesimi. E si profila anche un calo di ragazzi che hanno conseguito il diploma con 60 centesimi». Questa la notizia giunta direttamente dal Ministero dell’Istruzione. Un cambio di tendenza rispetto agli ultimi Esami di Stato che sembra premiare la diligenza degli studenti italiani.

AL TOP
I dati provenienti dalle grandi città sanciscono un aumento di studenti modello ma, soprattutto, un drastico calo di bocciati e di diplomati col punteggio minimo. Un verdetto che colpisce positivamente e che riguarda soprattutto il Nord. A Milano si registra un vero e proprio boom di 100 e lode e 100 centesimi, quasi il doppio rispetto al passato anno scolastico. Si accodano al capoluogo lombardo anche Bologna e Roma. In Campania rimane invariato il rapporto tra chi è stato promosso e chi dovrà tornare nuovamente a scuola a settembre, mentre a Palermo sono quasi spariti i bocciati con un aumento dei diplomati con il massimo.

IN PASSATO
Una tendenza che non rispecchia quanto accaduto in passato, quando erano gli studenti delle scuole settentrionali a finire dietro la lavagna con risultati decisamente inferiori rispetto ai colleghi degli istituti del Sud. Un cambiamento dovuto, secondo molti presidenti di commissione, ad un utilizzo uniforme dei voti in tutta Italia: «Gli insegnanti, durante l’anno, hanno finalmente iniziato a usare tutta la scala dei voti da uno a dieci, come dovrebbe essere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*