BDSM, un lavoro redditizio

Blanche Lloyd, 31 anni, in arte Mistress Evilyne, guadagna 50 mila sterline all'anno frustando e malmenando gli uomini nel suo cottage nel Kent.

Mistress Evilyne

Mai farsi ingannare dall’apparente tranquillità dei cottage inglesi. Al loro interno può celarsi una ‘Dungeon Manor‘, ovvero una stanza delle torture dove due dominatrici vestite di lattice e armate di frustini attendono ogni giorno operai, impiegati e politici locali per l’appuntamento settimanale con il BDSM. Accade nella tranquilla campagna del Kent, dove Mistress Evilyne, nome d’arte di Blanche Lloyd 31 anni, e Governess Ely, praticano sedute di ‘ball busting‘ (una tecnica di tortura in cui i testicoli vengono pizzicati, percossi e schiaffeggiati), bondage o elettroshock genitale. Lamentele dei vicini a parte, il business è profittevole:  le due guadagnano circa 50 mila sterline al’anno a testa.

SMETTERE I PANNI DEL «MACHO», PER QUALCHE ORA
La villetta ha 5 camere da letto alcune delle quali trasformate in stanze delle torture: all’interno fanno bella mostra un grande letto per il bondage, una collezione di fruste appese al muro, palette per lo spanking e un armadietto con ante a vetro che ospita una fornita collezione di coltelli affilatissimi, maschere sadomaso e vari oggetti per la dominazione sessuale. I prezzi per una sessione con Evilyne, partono dalle 200 sterline e possono arrivare fino ai 1200 a notte. Il sesso non è contemplato. «Non è quello il compito di una dominatrice, anzi, spesso il nostro ruolo è quello di mantenere la castità», spiega la Mistress. «Gli uomini si sentono sempre sotto pressione perché devono recitare la parte del maschio dominante nelle loro case, a volte parlano alle loro mogli del ferish ma loro non ne vogliono sapere. Io offro semplicemente a questi uomini un posto dove possano sbizzarrirsi e smettere di recitare la parte del capo famiglia».

Mistress Evilyne

DALLA CUCINA DELLO CHEF ALLA STANZA BDSM
Oltre a farle guadagnare un sacco di soldi, i ‘ragazzi’ di Blanche sanno rendersi molto utili in casa: «non lavo mai i piatti e non ho mai dovuto preoccuparmi del giardino, pensano a tutto loro. Amo quello che faccio e ho anche molto tempo libero per leggere e vedere gli amici», dice. Adesso è felice ma certo non ha l’appoggio della famiglia, che per una ragazza di buona famiglia e istruita come lei speravano in un impiego diverso. Non che la ragazza non ci abbia provato: Dopo due anni di università ha abbandonato gli studi per  provare a seguire la sua passione culinaria ma non andò bene: «Finii nella cucina di Gary Rhodes, un allievo di Gordon Ramsey. Fu inferno lui era odioso e non c’era niente che potessi fare. Lavoravo 100 ore a settimana per guadagnare 1,200 sterline al mese. Ero stressatissima». Un giorno del 2013 si imbattè in un sito che le fece dire «posso farlo anche io!» e  da allora iniziò l’avventura. Adesso le due mistress sono in cerca di una casa più isolata«dove nessuno ci possa disturbare» e viceversa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , , Data: 13-07-2015 03:59 PM


Lascia un Commento

*