«Lo Stato islamico è uno Stato perfetto»

Maria Giulia Sergio rilascia al Corriere della Sera delle sconcertanti dichiarazioni dove giustifica le violenze del Califfato in nome della sharia.

maria-g-s-8Solo qualche giorno fa la sua voce era risuonata, acuta e ossessiva, dai televisori di tutta Italia, carica di odio contro i «miscredenti» a cui bisogna «tagliare la testa». Ora le sue parole, grazie al Corriere della Sera, raggiungono nuovamente i media italiani. Contattata tramite Skype dal quotidiano di via Solferino, Maria Giulia Sergio alias Fatima Az Zahara continua nella sua esaltazione dello Stato islamico, rivendicando con orgoglio di farne parte.

SI INFORMA SUI GENITORI
Per Fatima esiste solo la legge della sharia. La parola ‘democrazia’, invece, nel mondo islamico viene tradotta con un termine che implica caos e anarchia. E proprio in nome della sharia, decapitazioni e violenze sono considerate legittime dalla Sergio. Nel corso dell’intervista rilasciata al Corriere si informa innanzitutto sulla sorte dei genitori, arrestati con l’accusa di terrorismo internazionale. Un provvedimento inutile, secondo Fatima, perché nelle conversazioni col padre e la madre si è limitata solo a tessere le lodi del Califfato, senza istigarli alla sharia.

LO STATO PERFETTO
L’intervista prosegue. Le violenze dello Stato Islamico secondo Fatima sono di due tipi: giustificate o inventate. Nega gli stupri di cui sono vittime le donne, che sarebbero invece «onorate» e ritiene legittime le esecuzioni che puniscono «ladri» e «ipocriti» che agiscono come «spie». Nessuna violazione dei diritti umani, perchè lo Stato islamico «è uno Stato perfetto». Le sue parole sembrano quasi voler convertire l’interlocutore del Corriere, convincerlo che i combattenti dell’IS agiscono in nome di Allah «misericordioso». Poi la linea cade, l’intervista finisce. E Fatima riprende la sua vita di tutti i giorni in una località imprecisata del nord della Siria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , , , Data: 07-07-2015 11:42 AM


Lascia un Commento

*