Che cos'hai, Jessie J?

di Matteo Mazzuca
La cantante britannica si è sottoposta a un'operazione chirurgica, ma la convalescenza sta durando più del previsto. Apparentemente, i problemi cardiaci causati dalla sindrome di cui soffre stavolta non c'entrano.

ImmagineNon c’è pace per Jessie J. Oltre alla sindrome di Wolff-Parkinson-White che la affligge da quando era bambina e che le ha causato seri problemi cardiaci, Jessie si è anche dovuta sottoporre a un’operazione chirurgica il cui scopo non è ancora stato reso pubblico.

CONVALESCENZA LUNGA
Jessie J ha aggiornato i suoi fan tramite Instagram, spiegando che l’operazione non è dovuta al suo cuore né alle corde vocali. Le ultime notizie, comunque, sono ben lontane dall’essere positive. Jessie ha spiegato che la convalescenza sta prendendo più tempo del previsto e si sta rivelando molto dolorosa.

Immagine1I PRECEDENTI
Durante il mese di marzo Jessie J aveva annullato le ultime tre date del suo tour australiano a causa di una malattia misteriosa, mentre nel 2012 aveva sospeso un altro tour a causa di problemi vocali. Tempo prima, Jessie J aveva confessato di aver avuto un infarto all’età di 18 anni, causato dalla sindrome di Wolff-Parkinson-White. Questa scatena spesso delle tachicardie e delle fibrillazioni ventricolari che possono essere causa di morte cardiaca improvvisa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 29-06-2015 11:46 AM


Lascia un Commento

*