Cersei è Margherita d'Angiò?

di Luca Burini
Da Anna Bolena a Giovanna d'Arco, fino a Maria la sanguinaria. Le donne della storia a cui George R.R. Martin si sarebbe ispirato per i personaggi femminili de Il Trono di Spade.

Da sei stagioni affascina milioni di telespettatori in tutto il mondo. E non c’è dubbio che continuerà a farlo anche nella settima, in onda dal 16 luglio. Il trono di spade, com’è noto, è una serie tratta da una saga di firmata George R.R. Martin. Quel che molti non sanno è che per i suoi personaggi femminili (e non solo) potrebbe essersi ispirato a figure realmente esistite. Donne forti e rimaste nella storia, che sono state individuate dal DailyMail. Scopriamo chi sono.

Game of ThronesCERSEI LANNISTER – MARGHERITA D’ANGIÒ
La stella del Trono di Spade e la moglie di Enrico VI presentano una serie di punti in comune. Prima di tutto i matrimoni di entrambe sono stati decisi a tavolino per stringere alleanze: Cersei con Robert Baratheon per assicurare la pace tra le loro casate, mentre Margherita con Enrico per garantire la pace tra Inghilterra e Francia. Tuttavia, le somiglianze non finiscono qui. Perché sia la legittimità dei figli della Lannister che quelli della regina inglese sono state contestate. Figli che, in entrambi i casi, avevano la fama di essere sadici. E che hanno fatto una brutta fine. Chiedere a Joffrey Baratheon, avvelenato al proprio matrimonio, e al Edward di Lancaster, morto nella battaglia di Tewkesbury.

Game of Thrones 3TALISA STARK – ANNA BOLENA
Le due donne sono famose per aver rubato l’uomo di un’altra. Talisa è riuscita a convincere Robb Stark ad abbandonare il suo obbligo di sposare una delle figlie di Walder Frey. Decisione che ha portato al massacro di buona parte della famiglia. Anna Bolena, invece, fece cadere ai suoi piedi Enrico VIII che era però regolarmente spostato con Caterina d’Aragona. E per poter mettere l’anello al dito ad Anna Bolena, il re arrivò addirittura a formare una nuova Chiesa, quella anglicana, con annesso (ingente) spargimento di sangue.

272BFCB700000578-0-image-m-11_1434441852302MELISANDRE – MARIA I D’INGHILTERRA
La regina inglese condivideva con Melisandre l’attrazione per il fuoco. O meglio dall’idea di far bruciare tutte le persone che si oppenevano alla sua religione. Tanto che nel 1550 si guadagnò il soprannome di Bloody Mary, dopo aver ucciso centinaia di protestanti che erano rifiutati di convertirsi al cattolicesimo. La differenza? Melisandre non è cattolica, ma è una fedele del Signore della Luce.

19D09EC0000005DC-0-image-m-15_1434442216479DAENERYS TARGARYEN – ELISABETTA I D’INGHILTERRA
Entrambe queste regine sono donne molto potenti. E se Daenerys può contare sui draghi, Elisabetta vantava una marina che è riuscita a distruggere l’Armada spagnola. Sia la Targaryen che la Tudor non si sono sposate per creare alleanze. Il loro obiettivo è invece aumentare la credibilità del loro potere. La protagonista della serie tivù per riprendere il Trono di Spade, appartenuto alla sua famiglia, la regina inglese per allargare i confini del suo impero nel mondo tramite le colonie.

2197C05A00000578-0-image-m-20_1434442694194BRIENNE DI TARTH – GIOVANNA D’ARCO
Giovanna d’Arco come Brienne di Tarth era un fenomeno sui campi di battaglia. Entrambe hanno poi dimostrato un’incredibile fedeltà nei confronti delle persone a cui tenevano, ma anche tanta sfortuna. Perché Brienne ha perso tutte le persone che ha servito, mentre la tragica fine di Giovanna d’Arco è ormai storia: fu bruciata sul rogo con l’accusa di eresia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 16-07-2017 11:00 AM


Lascia un Commento

*