I segni delle botte in passerella

di Daniela Uva
La miss Rosaria Aprea sfila in bikini con i segni delle violenze commesse da chi aveva giurato di amarla. E alle donne dice: «Abbiate coraggio, non perdonate chi vi picchia».

Rosaria-ApreaÈ diventata suo malgrado protagonista della cronaca per essere stata, come moltissime altre donne, picchiata selvaggiamente dal suo fidanzato. Ma Rosaria Aprea, bellissima ragazza di Macerata Campania, non era una vittima qualunque. Lei era una miss e oggi che il suo carnefice è stato condannato a otto anni di reclusione, ha deciso di testimoniare la sua storia sfilando in costume da bagno e mostrando a tutti la cicatrice che è rimasta dopo le botte.

DALL’OSPEDALE A MISS ITALIA
La sua terribile storia è cominciata nel 2013. Accanto a sé Rosaria aveva un uomo che giurava di amarla. Ma che spesso alzava le mani sul suo bellissimo corpo. L’ennesimo colpo, un calcio sferrato nella pancia, ha reso necessario un intervento chirurgico d’urgenza e l’asportazione della milza. Da allora Rosaria convive con un segno profondissimo sul ventre, che tutti i giorni le ricorda il suo calvario. Ma lei non si è mai arresa: nel 2014 ha partecipato a Miss Italia con la fascia di Miss coraggio. Poi ha continuato la sua opera di sensibilizzazione per combattere la violenza sulle donne, ed è stata scelta come testimonial da un brand di costumi da bagno, con i quali ha sfilato in passerella con la cicatrice in bella vista.

aprea 2IL PESO DEL GIUDIZIO DEGLI ALTRI
Un percorso per nulla facile che a Rosaria, adesso 22enne, è costato tantissima fatica. Anche grazie a suo figlio, un bellissimo bimbo di tre anni nato da quella relazione sbagliata. «All’inizio non volevo assolutamente far vedere la mia cicatrice, mi vergognavo. Se qualche volta osavo mettermi in bikini notavo gli sguardi degli altri bagnanti. Sentivo su di me il peso del giudizio», ha detto. Poi, grazie all’aiuto delle persone che le sono sempre state vicine e che l’hanno sostenuta, Rosaria ha deciso di partecipare a Miss Italia, con la sua fascia speciale, e di mostrarsi a tutti. «Ho iniziato a sfilare nonostante questo segno indelebile. E alla fine ho imparato ad accettarlo», ha aggiunto la miss.

«NON PERDONATE CHI VI PICCHIA»
Quello che però non può passare è la paura. «Ci convivo sempre, sono terrorizzata all’idea che lui fra qualche mese torni libero. Lo sogno anche durante la notte». Un timore che non le impedisce  di aiutare altre donne. «Sono riuscita sostenere una ragazza alla quale il suo uomo aveva rotto il femore e il setto nasale e lei ha trovato il coraggio di andar via da quella casa. Un’altra grazie alle mie parole ha lasciato il compagno che la umiliava e la picchiava. Adesso ha trovato un nuovo amore e aspetta un bambino». A tutte queste donne Rosaria sente di dare solo un consiglio: «Denunciate, scappate e non perdonate. Non fatelo mai. Io ho sbagliato facendolo e ho rischiato davvero tanto». Intanto, nel prossimo futuro Rosaria spera di creare un’associazione che aiuti concretamente le migliaia di donne vittime di violenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , Data: 10-06-2015 05:27 PM


Lascia un Commento

*