La nuova Gucci è social

di Enrico Matzeu
Merito del direttore creativo Alessandro Michele, che da gennaio 2015 detta lo stile della maison fiorentina e raccoglie consensi unanimi da giornalisti e blogger delle riviste più prestigiose.
Alessandro Michele ritratto da Alberto Zacchini, ufficio stampa Gucci, nel suo profilo Instagram.

Alessandro Michele ritratto da Alberto Zacchini, ufficio stampa Gucci, nel suo profilo Instagram.

Alessandro Michele è l’uomo del momento. Voluto alla guida creativa di Gucci dal nuovo Ceo Marco Bizzarri, da gennaio detta lo stile della maison fiorentina e ha già fatto incetta di ovazioni che potrebbero risanare quel 1,6 % di fatturato in meno registrato nel 2014. Il designer, prima sconosciuto ai più, ha in pochi mesi conquistato il cuore di giornalisti, buyer e blogger, che sono accorsi numerosi a New York per la presentazione della Cruise Collection 2016.

Immagine anteprima YouTube

UN EVENTO MIRATO
Sfilare con la collezione Cruise per la prossima primavera/estate Oltreoceano è stata una strategia non solo di immagine, ma soprattutto di marketing. La volontà del brand, infatti, è quella di rafforzare la propria presenza sul mercato americano, un po’ indebolito nell’ultimo anno. L’obiettivo sembra dunque centrato visto l’entusiasmo ottenuto dallo show, che si è animato in un deposito della Fondazione Dia nel quartiere Chelsea di Manhattan, tra le gallerie d’arte più prestigiose del globo. La collezione è una boccata d’ossigeno per la moda italiana, con uno stile tra il vintage e il contemporaneo che conquista tutti. Soprattutto il web, che ha subito approvato ogni singolo capo attraverso la condivisione, quasi compulsiva, di immagini della sfilata.

Un dettaglio della sfilata dal profilo Instagram della blogger Susie Bubble.

Un dettaglio della sfilata dal profilo Instagram della blogger Susie Bubble.

I POST PIÙ INFLUENTI
A postare, soprattutto su Istagram, scatti della sfilata sono stati i fortunati fruitori del défilé, coloro che sedevano sulle sedie dalle fantasie british e appoggiavano i piedi sulle decine di tappeti persiani sparsi sui pavimenti di una location che già suggeriva il mood della collezione. Le inviate delle riviste più prestigiose, Harper Bazaar in testa, sono letteralmente impazzite postando a profusione gli outfit pensati da Michele. Le edizioni asiatiche, come Vogue Taiwan e Elle Thailand,  si sono innamorate soprattutto delle tigri che si stagliano sulle sete cerulee degli abiti con la doppia G. Anche la blogger Susie Bubble, seguitissima per le sue foto impeccabili, ha raccontato su Instagram la sfilata, concentrandosi soprattutto sui dettagli. Per l’Italia il più entusiasta sembra essere stato il fashion editor di Repubblica, Simone Marchetti, che ha postato molte foto anche dal backstage. Lo stilista Alessandro Dell’Acqua, non è stato da meno, esprimendo la sua approvazione con un «go, Gucci go!».

Uno scatto del front row pubblicato su Instagram dall'attrice Dakota Johnson.

Uno scatto del front row pubblicato su Instagram dall’attrice Dakota Johnson.

LE CELEB SUI SOCIAL
Non sono certamente mancate le celeb, che come sempre popolano il front row. Se Anna Wintour, immortalata in moltissimi profili, si è limitata a osservare dietro i suoi occiali scuri, l’attrice Dakota Johnson ha postato le foto fatte in compagnia di Karen Elson, la top model e cantante inglese. Anche lei ha pubblicato gli scatti della sfilata, compreso un selfie sull’auto che l’ha accompagnata all’evento. Basta digitare l’hashtag #guccicruisenyc per immergersi nella nuova era Gucci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*