Lavoro, le donne fanno rete

di Alexis Paparo
Cos'è WorkHer, la piattaforma pensata dalle donne per le donne. Articoli, seminari online ma anche consigli dal vivo per sostenere le lavoratrici o le aspiranti tali.

Silvia BrenaIl curriculum è l’ultimo passo. Sì perché WorkHer, la piattaforma che vuole aiutare l’occupazione femminile ideata da Network Comunicazione e Piano C e realizzata grazie al contributo di Intesa Sanpaolo, accompagna le donne nel mondo del lavoro o le aiuta a rientrarci.

UNA RETE DI PROFESSIONISTE
Chi immagina una bacheca virtuale dove appende il proprio curriculum nella speranza di venire contattate sbaglia. Il progetto, sostenuto anche da  Assolombarda, Women For Expo, Professional Women Association, Monster e Acta, nasce da un’esperienza di due anni con centinaia di lavoratrici o aspiranti tali e quindi è costruito su misura per il mercato odierno. Dove è indubbio che per le donne sia più difficile entrare, o rimanere. Per questo WorkHer, dietro al quale ci sono mente e cuore di Silvia Brena e Riccarda Zezza, mette a disposizione un percorso di formazione,  una serie di articoli, interviste, seminari online, bandi, una rete di professioniste di successo pronte a raccontare la propria esperienza e a offrire consigli, un gruppo di donne con cui fare squadra.

Immagine anteprima YouTube

DAL TEST ATTITUDINALE ALLA COSTRUZIONE DI COMPETENZE
Ci si registra, gratuitamente, e si completa EST (Esplora, Scegli, Trasforma), il test attitudinale elaborato dalle ricercatrici dell’Università Cattolica di Milano che aiuta a individuare i punti di forza e le debolezze. Su queste poi si può lavorare con appositi pacchetti di formazione, gratuiti o a pagamento.  solo a quel punto si costruisce un curriculum di impatto. tutte le utenti registrate hano a disposizione articoli, infografiche, video, oltre alla possibilità di contattare le altre iscritte e il gruppo di mentors, che riunisce nomi come Laura De Chiara, Marketing Director Universal Pictures Italia e Manuela D’onofrio, una delle poche donne in Italia a ricoprire il ruolo di direttore investimenti in una grande banca europea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*