«Giriamo le spalle», la protesta contro Erdogan

di Matteo Mazzuca
Il presidente turco ha insultato alcune donne curde nel corso di un comizio. La reazione dei social non si è fatta attendere.

Voltiamo le spalle. È il significato dell’hashtag #SirtimiziDonuyoruz, lanciato in segno di protesta contro il presidente turco Erdogan, che nelle ore precedenti si era rivolto ad alcune sostenitrici del partito filocurdo Hdp con una pesante insinuazione.

CGfedTWUYAA-_qc.jpg largeIL COMMENTO SESSISTA
Tutto è cominciato a Igdir, dove Erdogan era impegnato in un comizio. Quando il suo bus è passato tra la folla, alcune donne si sono girate dall’altra parte. Il presidente ha reagito con un commento implicitamente sessista: «Vi prego di perdonarmi, ma hanno tutte girato le spalle mentre stavamo passando. Ovviamente, la mia decenza non mi permette di dirvi che cosa significa».

LA PROTESTA VIRALE
Il popolo dei social non ha perdonato l’insulto e ha subito dato vita a una campagna al grido di ‘Voltiamo le spalle’, che su Twitter è diventata subito virale. Migliaia di utenti hanno postato la propria foto di spalle, invitando a fare altrettanto nel voto di domenica 6 giugno che deciderà le sorti politiche della Turchia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , , Data: 03-06-2015 11:37 AM


Lascia un Commento

*