Russia, la bandiera non si tocca

di Luca Burini
La Miss Sofia Nikitchuk l'ha indossata per una copertina patriottica, ma è stata denunciata.
La copertina incriminata.

La copertina incriminata.

È apparsa sulla copertina di una rivista patinata avvolta dalla bandiera nazionale russa. E se ne pentirà amaramente. Perchè Sofia Nikitchuk, Miss Russia 2015, è finita nel mirino della procura Sverdlovsk dopo la denuncia di un cittadino che si è detto offeso dalle foto della giovane pubblicate su Stolnik. L’utilizzo della bandiera non era però fine a se stesso perchè con il titolo «Il gusto della vittoria» il magazine, che viene distribuito gratuitamente nei negozi di abbigliamento della regione di Sverdlovsk (nella zona degli Urali),  voleva celebrare il 70esimo anniversario della vittoria sovietica sul nazifascismo.

RESPONSABILITÀ DELLA DIRETTRICE DELLA RIVISTA
Sorpresa dall’apertura di un’indagine, Sofia si è definita «una patriota» sulle pagine del tabloid Komsomolskaia Pravda. Dal canto suo la direttrice di Stolnik, Anna Reshiotkina, si è presa tutta la responsabilità della decisione di usare quella copertina.
Ora è tutto nelle mani dei giudici, visto che il vilipendio alla bandiera in Russia è punibile con la reclusione fino a un anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 27-05-2015 05:56 PM


Lascia un Commento

*