Choc

Spingeva il figlio morto sull'altalena

di Luca Burini
L'ha fatto per più di 24 ore. Adesso è ricoverata. Gli operatori hanno dovuto tagliare le catene per staccare il bambino.
Il parco giochi di La Plata, in Maryland (Usa).

Il parco giochi di La Plata, in Maryland (Usa).

Sembra la trama di un film horror. Invece si tratta di cronaca. Una madre di 24 anni è stata portata in ospedale dopo aver passato un giorno e una notte a spingere il proprio figlio morto su un’altalena di un parco giochi a La Plata, in Maryland. Ad allertare la polizia sono stati alcuni testimoni che si sono insospettiti vedendo la donna e il figlio nella stessa posizione sia nella giornata del 21 maggio che nella mattinata del giorno seguente.

HANNO DOVUTO TAGLIARE LE CATENE DELL’ALTALENA
La donna, la cui identità non è stata rivelata alla stampa, è ancora ricoverata. Intanto il portavoce dello sceriffo della Charles County ha spiegato che l’autopsia sul bambino di 3 anni è risultata inconcludente. Per questo i medici legali dovranno svolgere ulteriori analisi, tra cui test tossicologici. Gli investigatori impegnati nella ricostruzione dei giorni precedenti alla morte non hanno trovato segni evidenti di un delitto: «Sul bambino non c’erano tracce di violenza, ma gli operatori hanno dovuto tagliare le catene per portarlo via dall’altalena».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 26-05-2015 01:42 PM


Lascia un Commento

*