Tendenza

Mariti che rubano guêpière

di Laura Sangiorgi
Reggiseni, body e tanga anche per gli uomini. L'idea è del marchio australiano Homme Mystere.

pezzo

Un tempo bastavano al massimo deodorante e dopobarba. Poi, lentamente, le cose sono cambiate. La cura del fisico. L’abbronzatura tutto l’anno. La ceretta. Le sopracciglia perfette. La crema antirughe, lo scrub, la maschera, la manicure. Poi ci sono i trucchi, matite per occhi pensate per lui e il mascara trasparente per esaltare le ciglia. Ma non è finita qui. Per l’uomo maniaco dell’aspetto fisico arriva direttamente dall’Australia una proposta sconcertate: una vera e propria linea di lingerie al maschile, con tanto di reggiseni, body e guêpière Tutto condito, volendo, con trasparenze, pizzi e fiorellini. Insomma, chi si scandalizzava per un tanga – e qui ce ne sono da far invidia al miglior negozio di intimo femminile – ha nel catalogo di Homme Mystere materiale di cui stupirsi.

pezzo1

UN BUSINESS SEXY E REDDITIZIO
Pioniere del genere era stato il brand giapponese Kaku Nishioka che aveva creato Kahei Oyasumi (letteralmente ‘buonanotte floreale’), brassiere e coulotte maschile con una fantasia di fiorellini in giallo e rosa. La Homme Mystere, con sede a Brisbane, ha fiutato il business e ha fatto della lingerie sexy per maschietti il centro della propria attività. A chi si è chiesto motivo di tutto questo, il brand ha risposto sul proprio sito: «È divertente, fa sentire bene e rende la scelta dell’intimo ogni giorno più piacevole». Proprio come per le donne, l’azienda australiana, attiva sul mercato da qualche anno, ha in mente di rendere la lingerie un accessorio, una voce importante dell’abbigliamento anche maschile.

CLIENTI IN TUTTO IL MONDO
Se si pensa che uomini del genere esistano solo dall’altra parte del mondo, ci si sbaglia di grosso. La maggior parte dei clienti del marchio australiano è negli Stati Uniti (circa il 40% delle vendite totali) mentre un altro 40% acquista da Europa e Gran Bretagna. Mercati rilevanti sono anche Russia e Canada. Oltre il 90% dei clienti sono eterosessuali, over 40, sposati o hanno una relazione con una donna, dati confermati dal reparto marketing dell’azienda. «Molte persone sembrano pensare che la lingerie di Homme Myster sia un prodotto per gay, insinuando che tutti i gay siano effeminati e vogliano essere la ‘ragazza’ della relazione«, ha affermato il creatore e stilista del brand, Brent Krause. «Non ci importa se sei gay, etero, vegetariano, repubblicano, anglicano, marziano o qualsiasi altra convinzione tu abbia. Noi disegniamo e produciamo soltanto underwear attraente e di lusso per uomini».

IL TRIONFO DEL PIZZO
«L’idea – ha spiegato lo stilista – è nata dal fatto che i reparti di intimo maschile sono abbastanza noiosi: boxer, mutande, al massimo qualche canotta e t-shirts. Perché non vivacizzare un po’ la scelta?» Nel 2009 sono stati lanciati i primi prodotti, per lo più capi intimi basic ma con materiali diversi dal solito, come il pizzo. Poi, la risposta del mercato ha incoraggiato il brand ad ampliare la propria scelta inserendo in catalogo quei capi finora riservati solo alle donne, come brasserie, guepiere, reggiseni.

PER MOGLI E COMPAGNE NON È UN PROBLEMA
Secondo alcune ricerche del brand, mogli e compagne sono a conoscenza del contenuto del cassetto della biancheria del proprio ‘lui’ e non se ne fanno un problema. «Sono stato molto onesto con lei e le ho detto cosa mi piaceva indossare, così lei poteva scegliere – ha raccontato un cliente -. Siamo sposati da 13 anni, non si è mai lamentata né sentita in imbarazzo a causa mia, mi ama per ciò che sono e non per quello che indosso». Un altro intervistato ha addirittura confessato che spesso la moglie gli ‘ruba’ il reggiseno. Un’immagine ben lontana da quella del macho, ma evidentemente c’è a chi piace.

pezzo2

MASSIMA DISCREZIONE DEL MARCHIO
Indossare un reggiseno, comunque, non implica doverlo sbandierare ai quattro venti: ecco perché la Homme Mystere, con un’aggiunta di cinque dollari, spedisce in tutto il mondo e assicura la massima discrezione. Il pacchetto non è brandizzato, la ditta non contatta in alcun modo i clienti e si possono organizzare spedizioni ad hoc per evitare che il pacchetto finisca nelle mani di figli o mogli ignare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Accessori, foto, Gallery, Trend, uomo Argomenti: , , , , , , , Data: 07-05-2015 03:27 PM


Lascia un Commento

*