Nuove carriere

Naufraga in politica

di Luca Burini
Chi è Eleonora Brigliadori, attrice capolista in Campania di Davvero Verdi in sostegno a De Luca.

Los Angeles Italia Opening GalaIl grande pubblico la ricorda sull’Isola dei Famosi. Dove aveva fatto saltare i nervi a quasi tutti i suoi compagni di avventura. Adesso Eleonora Brigliadori ha deciso di mettere il suo carattere deciso a servizio della politica. Perchè l’attrice è la capolista in Campania di Davvero Verdi, la lista frutto dell’unione del Sole che Ride con diverse realtà civiche ed esponenti dell’ambientalismo del Pd. E proprio al centrosinistra guarda Eleonora che sostiene Vincenzo De Luca. «Metto al centro della mia battaglia in questa competizione elettorale e della mia vita, dopo aver superato una grave malattia, la difesa dell’ambiente e di madre terra. De Luca ha saputo rendere migliore la sua Salerno adesso deve fare lo stesso per la Campania, una regione che amo e nella quale passo molto del mio tempo sia per lavoro che per ragioni familiari», ha spiegato lei.

TELEFONISTA PER TORTORA
55 anni, Eleonora ha iniziato la sua carriera come modella. La prima apparizione in tivù è stata invece a Portobello, programma della Rai condotto da Enzo Tortora, in qualità di telefonista. Nel 1980 l’incontro con Berlusconi. All’epoca lui era ‘solo’ un imprenditore televisivo che l’ha assunta come annunciatrice di Telemilano 58. Che poi è diventata Canale 5. Dopo il debutto come attrice nella miniserie televisiva Delitto di stato, ha condotto diverse trasmissioni sia per Mediaset che la tivù di Stato.

IL FILM EROTICO
Ma le richieste per Eleonora arrivavano anche dal cinema. Ha recitato in diverse commedie italiane: da Rimini Rimini a Sono un fenomeno paranormale, accanto ad Alberto Sordi.  Tra le pellicole sicuramente più chiacchierate c’è sicuramente La cintura in cui interpretava Bianca, una ragazza che subisce un trauma nell’infanzia e per fare l’amore ha bisogno di essere picchiata. Così un professore di italiano, Vittorio, la asseconda con una cintura. Nel 2005 ha avuto una parte anche in Notte prima degli esami.

Eleonora Brigliadori durante una puntata dell'Isola dei famosi.

Eleonora Brigliadori durante una puntata dell’Isola dei famosi.

REALITY CHE PASSIONE
L’anno successivo eccola tornare in tivù come concorrente del talent show Notti sul ghiaccio, condotto da Milly Carlucci, su RaiUno. Ma il grande successo è arrivato con la tormentata edizione all’Isola dei famosi edizione 2011. Eleonora si è fatta notare per il suo carattere deciso che spesso si scontrava con quello degli altri naufraghi e per il suo stile di vita particolare. Ha trascorso due mesi e mezzo sull’isola ed è stata eliminata a un passo dalla finale.

IMBRATTATRICE DI SCOGLIERE
Spesso impegnata a teatro, nell’agosto 2007 l’attrice era finita nei guai durante una vacanza a Portobello in Sardegna per aver dipinto un pezzo di scogliera con tre tonalità di azzurro. L’opera, da lei stessa definita «installazione removibile», rappresentava un angelo. Ma la sensibilità artistica dell’attrice non è stata compresa né tantomeno apprezzata dalla popolazione di Aglientu, che l’ha denunciata per «danneggiamento e deturpamento delle bellezze naturali». Ai verbali della polizia municipale si sono aggiunti poi quelli del Corpo forestale. E la Brigliadori, che rischiava una multa fino a 10 mila euro, si è offerta di pagare un risarcimento.

GUARITA DA UN TUMORE SENZA CURARSI
Sposata e mamma di tre figli, Eleonora, già nota per praticare l’urinoterapia, ha sconvolto tutti quando, sempre nel 2007, ha confessato di aver sconfitto un cancro senza curarsi. «Mi dissero che sarei morta entro sei mesi. Avendo già perso mia madre e mia nonna di tumore, e avendole viste spegnersi tra atroci sofferenze dovute alla chemioterapia, mi convinsi che il percorso ospedaliero era solo un modo per morire nel peggiore dei modi. Quindi non ho fatto alcuna cura e neppure esami invasivi», spiegò lei. E dopo tre anni il carcinoma che aveva al fegato è scomparso:  «Quando una persona va a fare la diagnosi, il tumore si sta già riparando da solo. I medici, però interrompono il processo naturale di guarigione e provocano le metastasi, che non sono altro che ulteriori conflitti dovuti al loro stesso intervento». D’altronde: «Il tumore parte sempre dal cervello, cioè da un’esigenza nascosta ed è ‘costruttivo’, quindi non bisogna averne paura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 28-04-2015 05:20 PM


Lascia un Commento

*