Rapporti di forza

Donne che picchiano gli uomini

A Berlino la violenza non è un'esperienza esclusiva del sesso debole. Soprattutto quella psichica.
In Germania

In Germania il 2,8% degli uomini ha denunciato violenze psichiche e lo 0,3% fisiche da parte di donne.

Donne che picchiano gli uomini. Mentre in Italia la cronaca offre numerosi casi in cui sono le mogli – ma pure fidanzate, compagne, ex conviventi – a subire violenze, in Germania la parte delle aguzzine spetta invece alle donne.
Nel Paese governato dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, infatti, le violenze – soprattutto psichiche – all’interno della coppie sono rivolte contro gli uomini, costretti a incarnare il ruolo delle vittime.
A svelare i segreti più reconditi della Germania, è stato uno studio dell’istituto Robert Koch che ha fatto luce, per la prima volta, sulle dinamiche familiari tedesche che fino a ieri erano sconosciute. Scoprendo che la teoria secondo cui gli uomini sfruttano il loro potere sulle donne è da rivedere.
BOTTE E INSULTI DALLE DONNE
Se gli indici riportati dai ricercatori – lo studio, pubblicato dal settimanale tedesco, è durato 12 mesi – confermano che sono ancora le donne a subire la violenza fisica degli uomini (1,3% contro lo 0,3%), le cose cambiano quando si affronta la violenza psichica: ben il 2,8% degli uomini ne ha fatto denuncia (le donne però sono al 3,8%).
Berlino ha così scoperto che la violenza non è un’esperienza esclusiva delle donne. Che, secondo gli scienziati tedeschi, oltre a botte, schiaffi, calci e tirate di capelli, infliggono anche offese, insulti e minacce agli uomini. Spesso mettendo di mezzo pure i figli.
«Temi come quello della violenza femminile o degli uomini come vittime sono ancora oggi dei tabù per la società», hanno scritto i curatori della ricerca.
DIFFICILE CREDERE AGLI UOMINI
Lo studio, infatti, ha messo in luce una piaga finora poco nota. E ha svelato che gli uomini «hanno difficoltà a rendere pubblici per insicurezza e vergogna certi episodi».
Piangere e mostrarsi deboli non sono azioni che per l’uomo sono compatibili con il modello di macho con cui sono cresciuti. E quindi è meglio tacere
Ma non solo. Quando qualcuno trova il coraggio di parlare, le denunce servono a poco. Perché un uomo che si dichiari vittima di violenze in famiglia non è creduto. E solo raramente c’è un intervento da parte delle forze dell’ordine che aprono un’inchiesta.
L’ASSENZA DI CENTRO DI SOSTEGNO
Inoltre, se per le donne in Germania esistono centri di sostegno – ce ne sono anche per bambini e per le famiglie di immigrati – per gli uomini non sono state previste strutture simili. E questo rende più difficile l’emersione del problema. Tanto che la reazione maschile, piuttosto che una richiesta d’aiuto si trasforma nell’abbandono delle abitudini personali e al conseguente isolamento.

Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 03-06-2013 09:00 AM


Una risposta a “Donne che picchiano gli uomini”

  1. Ugo scrive:

    Noi maschi dovremmo essere tassati con una tassa sul genere maschile per fornire soldi allo Stato per la protezione delle donne e non gravare sullo Stato per essere stati picchiati da una donna, botte che certamente ci siamo meritati!

Lascia un Commento